icona whatsapp mobile icona telefono icona email mobile

Chiama ora: 0583 40541

Il Gruppo Guidi investe nelle risorse umane stanziando oltre centomila euro
21/10/2022
Il Gruppo Guidi investe nelle risorse umane stanziando oltre centomila euro da erogare sotto la forma di
bonus ai propri collaboratori .
In un periodo in cui la crescita dell'inflazione e i rincari esponenziali dell';energia mettono a dura prova i
bilanci famigliari, il Gruppo Guidi ha deciso di supportare i propri Collaboratori con un aiuto concreto,
stanziando oltre centomila euro da erogare sotto la forma di bonus.
Tale bonus . fino ad un massimo di euro 700 , sarà erogato entro la fine del corrente anno a tutti i
Collaboratori assunti prima del 1 luglio 2022, a prescindere dal livello gerarchico.
Questa iniziativa è un segno tangibile dell'attenzione che il Gruppo Guidi ha nei confronti dei propri
Collaboratori e delle necessità delle loro famiglie.

I nostri collaboratori sono la nostra risorsa più importante
«Siamo consapevoli delle difficoltà che i nostri Collaboratori e le loro famiglie stanno affrontando in questo
periodo di crisi, in cui i rincari colpiscono molti generi di prima necessità e l'inflazione cresce di mese in
mese, senza contare gli aumenti del costo dell'energia e del gas che impattano negativamente sui bilanci
famigliari, soprattutto in vista dell'approssimarsi dell'inverno. Per questo abbiamo deciso di creare questa
iniziativa, con un impegno concreto, pur in un periodo sfidante per l’economia nazionale. Noi del Gruppo
Guidi riteniamo che i nostri Collaboratori siano la nostra risorsa più importante, il motore portante. Non ci
limitiamo ad affermare che la nostra missione è quella di essere il miglior datore di lavoro nel settore
Automotive; per noi contano i fatti e questo contributo tangibile ne è la prova migliore» ha dichiarato in
merito all'iniziativa Marco Guidi, rappresentante legale del Gruppo Guidi.

Il Gruppo Guidi

Questa storia inizia a Lucca, oltre cinquant’anni fa, quando molti uomini cercavano di avviare, sulle macerie
di un Paese pesantemente ferito dalla guerra, le loro attività. In questo quadro Guido Guidi fondò, a metà
degli anni cinquanta, la sua prima concessionaria multimarca.

Era, quello dell’auto nuova e usata, un mercato incerto ma in evoluzione. Le case nazionali proponevano le
loro utilitarie, che annunciavano il boom economico e le “straniere” cominciavano a prendere piede, usate
come segno di distinzione per chi cercava maggior comfort e tecnologie più avanzate.

Il buon esito di questo settore, convinse Guidi a compiere una scelta. Lo fece nel modo più semplice:
legando il suo nome al marchio più prestigioso del settore auto: Mercedes Benz. Nel 1969 nacque così la
Rauto S.r.l. Con sede in via Carlo Del Prete a Lucca Dieci anni dopo, nel 1979, una nuova sede ed una nuova
denominazione: Giudicar S.r.l., in via del Brennero. Una grande e moderna concessionaria, tra le maggiori in
Toscana, che, risulterà da subito tra quelle che hanno il maggior gradimento da parte della clientela.

Marco, Fabrizio e Riccardo Guidi (che poi negli anni prenderà strade diverse) fanno una scelta precisa,
quando negli anni ‘80 prendono il posto del padre: serietà, cura del cliente, tecnologia e servizi.
Nel 1994 la famiglia Guidi acquisisce il mandato di Concessionaria Mercedes-Benz anche per le province di
Massa Carrara e La Spezia. Nel 1995, una piccola rivoluzione nell’assetto societario: la Giudicar di Lucca
scorpora la parte assistenza e nasce la MyService srl, una società di cui fanno
a far parte i Responsabili del Settore Accettazione e Magazzino delle sedi di Lucca e poi anche di Massa-
Carrara. Un’esperienza che si è chiusa nel 2019 con il riaccorpamento alla Vendita.
Nel 2020 l’apertura di due nuove sedi: una a Viareggio, fra le prime del brand Mercedes Benz dell’Usato
Certificato, oltre che un nuovo Service Mercedes-Benz e Smart sulla costa tirrenica. L’altra, all’uscita
dell’autostrada a Chiesina Uzzanese (PT), rappresenta invece il più importante investimento sul marchio
VW con l’apertura della Concessionaria Voluto, di cui la famiglia Guidi è divenuta socio unico.